iscriviti ai feed RSS

Favorire i cicli di produzione chiusi

Pubblicata il 17-11-2017

 

Durante la lavorazione dei cereali, i sottoprodotti della macinazione (come la crusca), rappresentano circa il 25%. Con l’adozione del pacchetto di ordinanze agricole 2017 del Consiglio federale datato 18 ottobre, è stata approvata una rivendicazione di lunga data del settore di produzione dei cereali: la presa in considerazione dei sottoprodotti della macinazione nei foraggi di base. Con questa decisione, già dall’anno prossimo, una parte essenziale dei sottoprodotti potrà continuare ad essere utilizzata in modo saggio e sostenibile nell’industria dei foraggi, mirando alla chiusura dei cicli di produzione.


L’ineguaglianza nel trattamento finora in vigore riguardo i sottoprodotti della macinazione di cereali, rispetto ad altri sottoprodotti dell’industria di trasformazione nel programma per la produzione di latte e carne basata sulla superficie inerbita (PLCSI) cade con la nuova decisione del Consiglio federale. Un settore importante per la commercializzazione dei sottoprodotti di macinazione è di nuovo accessibile. Gli effetti negativi causati all’intera filiera del valore sono stati attenuati e la competitività dei prezzi nel primo scaglione della trasformazione mantenuto. La misura contribuisce inoltre alla normalizzazione della situazione di mercato e stock.


Swiss granum dà il benvenuto a questo approccio globale anche dal punto di vista della sostenibilità. Dato che, oltre ai partner di mercato nella catena della creazione di valore, anche l’ambiente ne esce vincente: un uso efficiente di queste preziose risorse riduce lo spreco alimentare.

Swiss granum,
Trad. e adattamento: Lara Colombi







Iscrizione alla newsletter


Privacy Policy

Accedi per scaricare il materiale riservato o per pubblicare un annuncio nella nostra Borsa del lavoro






Se hai dimenticato la password clicca qui